OK

Utilizzando questo sito accetti la nostra Privacy e accetta l'uso dei cookie.

Ogni giorno, ma con moderazione

Un’esposizione solare contenuta è sufficiente

I pesci grassi come il salmone, lo sgombro e l’aringa contengono vitamina D, esattamente come le uova, il burro e alcuni tipi di formaggio. La quantità presente, tuttavia, è talmente esigua che dovremmo consumarne grossi quantitativi per ottenere un sufficiente apporto di vitamina D. Frutta e verdura, invece, non contengono vitamina D. È quindi praticamente impossibile garantire un adeguato approvvigionamento di vitamina D con la sola alimentazione.


Per un approvvigionamento appropriato è quindi indispensabile la luce solare. La porzione UVB dei raggi solari è responsabile della trasformazione dei precursori della vitamina nella forma attiva
La durata dell’esposizione giornaliera ai raggi del sole varia. I tempi dipendono dalla stagione e dal tipo di pelle.


La tabella che segue riporta i tempi di esposizione solare consigliati dall’Istituto federale tedesco per la valutazione dei rischi (Bundesinstitut für Risikobewertung, BfR):

I valori indicati fanno riferimento alle ore diurne comprese tra le 12:00 e le 15:00. Per le ore precedenti o successive a mezzogiorno, l’istituto consiglia di raddoppiare i tempi. Complessivamente, dovrebbe venire esposto almeno il 25% della superficie corporea (fonte: Bundesinstitut für Risikobewertung).
In inverno i raggi solari alle nostre latitudini non sono normalmente sufficienti a produrre vitamina D a livello della pelle.